Most popular

Classici ) dannati DI formula 1 gran premio monaco orari tv varsavia (I) di Wajda Andrzej con Tadeusz Janczar e torta pacco regalo tutorial Emil Karewicz ( premio sito Collez.Munro ( Horror ) vampiri di Nicolau Ted con Moray Watson e Lincoln Tate..
Read more
Per tale motivo ti attuale posizioni delle due ferrari nel gran premio in spagna invitiamo a non indicare numero di carta payback o altro dato a te riconducibile.La, carta Arancio è la carta che ti permette di avere tanti vantaggi e di godere..
Read more
Ecco una lunghissima lista di tutte le idee regalo più originali che puoi comprare per questo premio fair play europa league Natale ai tuoi cari.Basta con i soliti regali scontati!In altre parole, questo minerale nobile e raffinato è un'ode alla purezza e alla..
Read more

Premio sirio giannini


premio sirio giannini

Ci vuol coraggio ad esser noi ci vuole essere donne.
Pensa di aver provato proprio tutto estremamente, ma la poesia che si faccia carezza nel suo cuore quella non sa di possederla in mente e quanto ancora sia, per lui, importante.
Pour boire Ti prenderà quella stanchezza a barare tra calici e fumo di candela all'ultima offerta della notte au pair piccoli gesti a fare dell'eterno un assiette chauffé donc tre scalini e respirare ad ore senza scatto all'avvio e poi pagare il conto all'anima che.
Allora chiudo l'uscio alle mie spalle e non mi yorkshire terrier toy regalo volterò, se chiamerai.Nientedichè Ho aperto un libro dalle pagine bianche le lettere cadute lungo i bordi giacevano sfinite e non c'è stato verso di rianimarle non c'è stato verso ( ispirata dalla lettura di Rotolibro di Carlo Berselli ) SALÒnew Questi sono tempi d'accidia di dentature extrapanoramiche.Non avremo le vesti di sempre è già fulgore l'abito di ogni cosa i sogni hanno vita di luce.La sospirata eclissi incantesimo estremo per una volta ancora s'allontana mentre chi plana di silenzio muore.Mi frantuma nei mille e più d'ignoto mi stordisce la nuca, quasi uccide la me di desideri minimi sorprende pigolante un io smarrito eppure in essa unicamente vivo è in quello spazio tra respiro e respiro, che mi nutro.Tu lo sapevi: rubava l'aria alle nottate chiamando d'altri nomi Io non so, io conosco poco, io vedo appena, ma credo che il suo canto abbia il colore delle viole umide o guaiva di schianti un paradiso ritenuto d'amanti e adesso solo accerchiato d'amori obbligatori.È sempre altrove che si colloca l'argine, tracima di catene di potere bombe silenti labbra strette e mute, abbiate fede e dite le preghiere.Itinerari tracciati sulla pelle incisi a punti e strappi mappe a-morali senza cartelli strade all'inferriata l'altra metà del cielo che s'inerpica per mammelle accoglienti a devastare.Di rose e di spine Di rose e di spine è la sera cè silenzio di brace una scarna seduta di pietra regali cresima lui che fa da cornice il mio canto si smorza nel vuoto al di là di una porta socchiusa nella logica dombra la luce.E forse lo farà per non vedere comparsate in nero svilirne le parole annichilirne il cuore.



Mi nuota accanto una fottuta luna di poeti di strada quelli senza le tasche per gli spiccioli che nudi stanno tra lamiere a suonare le dita nessuno li capisce dicono tutti che se guardo ancora nel suo fondo d'opale affonderò con la sua falce.
Myrmeleontidae Voci di cartavetro assottigliano spigoli di latta ipotesi perfette che l'immenso genio offre sui marciapiedi di desideri sparsi e cuscini di pietra alle sottane smosse allunga arpia la mano come gli aztechi a depredarti il cuore e danza sulle tue ossa stanche il suo.
Ora di molti volti Ora bizzarra questa cifra caduca in dipanare versi dove laltrove è nido sfumano sottovento rive deternità in trasferta di sensi camaleonte il dire unire è necessario per corsi e dislivelli rischiare di coscienza e fischiettare.La parola sancita, non importa sotto quale vestito e quale nome si spoglierà per rivelarsi nuda penna affilata, sola via di fuga.Parole in fila Metto le parole in fila come fossero tracce di un percorso orme di vite e vite e mi ci perdo e se nel mare dei pensieri affondo litinerario mi nasconde il senso devo restare un attimo in disparte nel silenzio degli occhi.Vorrei mimare il suono del caffè che sale: crsh crsh spengo dal suo sognare, forse, (che ne posso sapere dei suoi sonni?) il moscerino appiccicato al vetro.E sul fiume gli aironi scendevano in planata noi restavamo immobili poi mano nella mano raggiungevamo casa e il nostro letto.Spargi il tuo sale trasportami granello senz'appiglio a disciogliermi ancora in questo mare - occhi di strada fatta - smemorato rintocco sul finire.Oltre davanti ai muri di silenzio, allo scaltrito offrirtene compensi, il cuore giace ferito già di suo, ma speranzoso d'essere accolto, cuore senza tempo, ed essere importante per un poco, almeno per quell'attimo di gioco.Tacchi e catene Un mondo di catene e tacchi a spillo lacci di pelle nera tra staffili il piacere diventa artificiale ma poi, si sa, mica soltanto questo è il piacere d'un brivido sottratto i cavalli di frisia erano scale per i fuochi dei sensi.Camera non-vista (ricordo di una camera d'ospedale) Terrazzo il golfo esterno effetto mare dentro un lettino in ferro e lei riposa ha capelli di sabbia poca voce: - oh!





Piccola marea di baccarat cristallo tipo liquido splash tuffo tra mille facce il viso nei perimetri iati ialini ai ei oi dlin dlin dlin suono di vetro o soffio d'armonica scacciapensieri fulminante ictus No!

Sitemap